Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22419 - pubb. 28/09/2019

Concordato preventivo e procedura competitiva ex art. 163-bis l.f. della partecipazione nel capitale della proponente

Tribunale Padova, 22 Luglio 2019. Pres., est. Maria Antonia Maiolino.


Concordato preventivo – Continuità aziendale – Conferimento della partecipazione – Procedura competitiva ex art. 163-bis l.f. – Aumento di capitale – Fattispecie



Ai sensi dell’art. 163-bis l.f., va disposta la procedura competitiva per la cessione della partecipazione nel capitale della debitrice qualora il piano concordatario preveda il conferimento della medesima partecipazione ad altra società con impegno di questa a: i) sottoscrivere e versare un aumento di capitale; ii) prestare le garanzie necessarie per l’ottenimento di linee di fido commerciale o bancario per un determinato importo minimo; iii) garantire il pagamento a favore della procedura, entro una data determinata, dei flussi derivanti dalla continuità fino ad un determinato importo. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



 


Il Tribunale di Padova riunito in Camera di Consiglio, nelle persone di

·         vista l’offerta irrevocabile formulata in data 21.12.2018 da L. A. Srl per l’acquisto contro conferimento delle quote di L. Impianti Srl;

·         visto il Piano di Concordato, i successivi chiarimenti del 8.3.2019 e modifiche del 4.4.2019 con cui la debitrice ha stabilito di aprire una procedura competitiva sulla cessione della partecipazione;

·         visto l’impegno assunto da E. Holding Srl di cedere la partecipazione in L. Impianti Srl al miglior offerente, individuato all’esito di procedura competitiva, entro 30 giorni dall’omologa del concordato;

·         visto il decreto di apertura della procedura di concordato preventivo del 10.6.2019;

·         visto l’art. 163-bis L.F.;

premesso

·         che in data 22.05.2018 la L. Impianti s.r.l. ha depositato domanda di concordato “in bianco” ed in data 27.12.2018 ha depositato nei termini assegnati e prorogati il Piano e l’attestazione;

·         che il Piano prevedeva il conferimento dell’intera partecipazione nella L. Impianti s.r.l. dalla E. Holding s.r.l. alla L. A. s.r.l., a fronte del quale la L. A. s.r.l. si impegnava con offerta irrevocabile a: A) sottoscrivere e versare un aumento di capitale nella L. Impianti di complessivi euro 200.000,00 entro il 31.12.2019; B) prestare le garanzie necessarie per l’ottenimento di linee di fido commerciale o bancario per almeno euro 350.000,00 entro il 31.12.2019; C) garantire il pagamento a favore della procedura, entro il 31.12.2022, dei flussi derivanti dalla conduzione in continuità della società fino all’importo di euro 400.000,00;

·         che il legale rappresentante della L. A. s.r.l., Sig. G. R., ha garantito anche in proprio l’offerta irrevocabile della L. A. s.r.l.;

·         che, con decreto del 18.02.2019, questo Tribunale ha richiesto chiarimenti ed integrazioni su alcune previsioni del Piano ed in particolare sul fatto “che la modifica societaria finisca per costituire modalità alternativa alla procedura competitiva per il trasferimento del compendio aziendale, con violazione pertanto dell’obbligo di procedura competitiva per l’attività liquidatoria”;

·         che con memoria dell’8.03.2019 la L. Impianti confermava la propria disponibilità a sottoporre il trasferimento delle quote alla procedura competitiva ex art. 163-bis L.F.;

·         che, con atto del 2.04.2019, la E. Holding s.r.l. si è impegnata irrevocabilmente a trasferire per euro 1,00 l’intera partecipazione nella L. Impianti s.r.l. al soggetto che se ne renderà aggiudicatario a seguito di procedura competitiva ex art. 163-bis L.F.;

·         che, al fine di rendere comparabili le potenziali offerte, con integrazione del 4.04.2019, nel Piano di concordato è stata inserita la previsione che la “partecipazione del 100% della L. Impianti S.r.l. a S.U. verrà trasferita al miglior offerente da parte della E. Holding S.r.l. mediante asta competitiva ex art 163 bis LF su bando redigendo avente il seguente schema

1.      L’offerta ricevuta da parte della L. A. S.r.l. già agli atti dovrà intendersi come prima offerta da porre a base d’asta per il trasferimento dell’azienda.

2.     Sulla base della prima offerta verrà disposta una procedura competitiva ad evidenza pubblica al fine di individuare eventuali offerte migliorative per l’acquisto della quota di partecipazione del 100% del L. Impianti S.r.l. a S.U. al valore di € 1,00 con l’onere - a carico dell’aggiudicatario di:

       i.            mantenere in forza quantomeno n. 7 dipendenti, ovvero il maggior numero di dipendenti in forza in L. Impianti S.r.l. a S.U. alla data di aggiudicazione;

     ii.            mantenere in capo alla L. Impianti S.r.l. a S.U. il debito maturato nei confronti del personale in forza per TFR per il valore al 22.5.2018 di € 158.229,00 ovvero il diverso valore che risulterà maturato alla data di aggiudicazione;

  iii.            assistere tutti gli impegni assunti nei confronti della Procedura di Concordato Preventivo CP 09/2018 con garanzia di soggetto solvibile ed adeguatamente patrimonializzato e/o mediante garanzia di Primario Istituto per almeno € 400.000,00;

   iv.            garantire flussi in favore dei creditori concordatari entro il 2022 per un importo superiore ad € 415.000,00 derivanti da un piano industriale in continuità aziendale attestato da professionista in possesso dei requisiti previsto dall’art. 67 3 co lett. d LF.

3.     Il Trasferimento dell’azienda in favore dell’aggiudicatario avverrà entro 30 gg dal deposito del decreto di Omologa della Proposta e del Piano Concordatario CP 09/2018.

4.     Nel caso di individuazione di un miglior offerente per l’acquisto dell’intera quota sociale del proprio capitale rispetto alla Proposta concordataria, L. Impianti S.r.l. a S.U. modificherà, ovvero, integrerà la proposta concordataria, integrando, altresì, l’Attestazione del Dott. Luca Pieretti, per tramite del medesimo attestatore. Gli eventuali maggiori oneri relativi a tali attività professionali resteranno a carico dell’aggiudicatario miglior offerente”;

·         che, preso atto della modifica del Piano di concordato, con decreto del 10.06.2019 questo Tribunale ha dichiarato aperta la procedura di Concordato Preventivo in intestazione, ordinando la convocazione dei creditori per l’udienza del 29.11.2019;

·         che, nel decreto del 10.06.2019 citato, il Tribunale ha disposto che “la procedura ex art. 163bis l.f. andrà avviata con indicazione di un prezzo base più elevato di quello offerto da L. A. s.r.l., come espressamente previsto dalla norma: cosicché la “prima offerente” se voglia partecipare alla procedura competitiva dovrà adeguare la propria offerta, oppure potrà limitarsi ad attendere l’esito della stessa, senza poter però rilanciare se qualcun altro decida di formulare un’offerta di acquisto della partecipazione”;

·         che l’art. 163-bis L.F. prevede che il Tribunale ricerchi soggetti interessati all'acquisto disponendo con decreto l'apertura di un procedimento competitivo;

tutto ciò premesso

DISPONE

l’apertura della procedura competitiva ex art. 163-bis L.F. volta all’individuazione del miglior offerente per l'acquisto dell’intera partecipazione nella L. Impianti s.r.l. in concordato preventivo, con sede in via Thomas Edison 8 a Camposampiero (PD), cod. fisc. 04242910281, operante nel campo dell’impiantistica termomeccanica ed elettrica.

FISSA

a base della procedura competitiva le seguenti condizioni:

1.      il prezzo di acquisto pari ad euro 1,00;

2.     l’aggiudicatario ha l’onere di:

a.      mantenere il numero di dipendenti in forza in L. Impianti S.r.l. a S.U. alla data di aggiudicazione;

b.     mantenere in capo alla L. Impianti S.r.l. “in continuità” il debito maturato nei confronti del personale in forza per TFR per il valore al 22.5.2018 di euro 158.229,00 ovvero il diverso valore che risulterà maturato alla data di trasferimento della quota;

c.      presentare un Piano industriale in continuità aziendale attestato da professionista in possesso dei requisiti previsti dall’art. 67 c. 3 lett. d) L.F., che preveda l’attribuzione di flussi in favore dei creditori concordatari entro il 2022 per un importo almeno pari ad euro 420.000,00;

d.     assistere gli impegni assunti nei confronti della Procedura di Concordato Preventivo CP 09/2018 con garanzia di soggetto solvibile ed adeguatamente patrimonializzato e/o prestare fidejussione bancaria a prima richiesta, con rinuncia ad ogni eccezione, di Primario Istituto per un importo pari ai flussi offerti;

e.      rimborsare a L. A. s.r.l. le somme versate a titolo di aumento di capitale, in ottemperanza agli impegni di cui alla lettere A) dell’offerta irrevocabile richiamata in premessa, e liberare la stessa, e/o il legale rappresentante G. R., dalle garanzie prestate ai sensi della lettera B) della medesima offerta;

f.       pagare all’atto del trasferimento i rilanci effettuati in sede di gara, di cui al punto 14, oppure, in caso di pagamento dilazionato, comunque non oltre il 31.12.2022, garantire gli stessi con fideiussione bancaria a prima richiesta di Primario Istituto, con rinuncia ad ogni eccezione;

FISSA

per l’apertura delle buste l’udienza del 20.9.2019 ore 10.15, davanti al Giudice Relatore, Dott.ssa Maria Antonia Maiolino, presso il Tribunale di Padova.

DETERMINA

le seguenti modalità di presentazione delle offerte:

1.      Le offerte di acquisto redatte in carta legale (con marca da bollo da euro 16,00) ed in lingua italiana dovranno essere presentate in doppia busta bianca chiusa presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Padova entro le ore 12.00 del 19.09.2019.

2.     Sulla prima busta (e cioè sulla busta contenente l’offerta e che rimane all’interno della seconda busta) dovranno essere indicati, a cura dell’offerente, il Tribunale e il numero della Procedura concorsuale di riferimento (“Tribunale di Padova - C.P. n. 9/2018”), il nome del Giudice Relatore (dott.ssa Maria Antonia Maiolino), nonché la data e l’ora dell’udienza fissata per l’apertura delle buste. Non potrà essere apposta alcuna altra indicazione.

3.     La prima busta dovrà essere inserita in una seconda busta, chiusa a cura dell’offerente. Sulla busta esterna l’operatore della Cancelleria fallimentare annoterà: il nome di chi materialmente provvede al deposito della busta, previa identificazione dello stesso, il nome del Giudice Relatore, la data dell’udienza fissata per l’apertura delle buste, nonché la data e l’ora della ricezione della busta. Non potrà essere apposta alcuna altra indicazione.

4.     Tutte le buste esterne saranno aperte alle ore 9.30 del giorno fissato per l’apertura delle buste, come annotato sulle buste stesse. Le offerte segrete contenute nelle buste interne, ancora sigillate, saranno attribuite al fascicolo sulla base delle indicazioni ivi apposte e saranno aperte dal Giudice Relatore all’ora fissata per l’apertura delle buste.

5.     L’offerta dovrà qualificarsi espressamente come irrevocabile e dovrà contenere:

                               i.            il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto offerente (non sarà possibile trasferire i beni a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta, salvi i casi di legge) il quale - il giorno e l’ora fissati per la vendita - dovrà comparire personalmente o a mezzo di procuratore speciale munito di adeguati poteri. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare. Se l’offerente è soggetto diverso da persona fisica, oltre ai suoi dati identificativi (denominazione, sede legale, iscrizione al Registro Imprese, codice fiscale e partita IVA) dovrà essere allegato visura o certificato del Registro delle Imprese o qualsiasi altra documentazione idonea a comprovarne l’esistenza secondo l’ordinamento giuridico di appartenenza, da cui dovrà anche emergere l’identità dei soggetti legittimati ad agire e i poteri dei medesimi. L’offerta può essere proposta personalmente o a mezzo procuratore legale munito di procura speciale notarile;

                             ii.            l’indicazione della procedura concorsuale cui si riferisce (C.P. 9/2018);

                          iii.            la dichiarazione che l’offerta viene fatta per l’acquisto della piena proprietà del 100% del capitale sociale della L. Impianti s.r.l. in concordato preventivo, come sopra identificata, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova;

                           iv.            la dichiarazione di aver preso attenta visione del presente decreto e della documentazione inserita nella data room all’uopo istituita e di accettare integralmente le condizioni contenute nel presente decreto, allegando all’offerta copia del presente decreto siglata in ogni foglio in segno di accettazione delle condizioni previste;

                              v.            l’indicazione dell’importo dei flussi, risultanti dal Piano Industriale di Sviluppo, che si intende porre a disposizione dei creditori concordatari, che non potranno essere inferiori ad euro 420.000,00 e delle garanzie di cui alla lett. d) che si intende fornire;

                           vi.            l’indicazione della modalità di pagamento dei rilanci di cui alla lettera f) che l’offerente intende adottare;

                         vii.            l’indicazione di un indirizzo di posta elettronica certificata al quale sarà inviata ogni comunicazione inerente la procedura competitiva e l’eventuale successiva vendita.

6.     All’offerta dovrà essere allegata:

§  una fotocopia del documento di identità e del codice fiscale dell’offerente ovvero della persona legittimata ad agire per suo nome e conto, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato “Concordato Preventivo n. 9/2018 - Tribunale di Padova”, per un importo di euro 30.000,00, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di inadempimento anche di uno solo degli impegni assunti con l’offerta o di rifiuto all’acquisto, salvo il maggior danno.

§  copia dei bilanci e/o delle dichiarazioni IVA degli ultimi tre esercizi, oltre ad una situazione economico patrimoniale aggiornata, nel caso in cui l’offerente eserciti una attività di impresa;

§  documenti idonei a dimostrare la capacità patrimoniale (es. visure ipo-catastali) nel caso in cui l’offerente sia una persona fisica;

§  copia della centrale rischi aggiornata;

§  il Piano Industriale in continuità aziendale attestato da professionista in possesso dei requisiti previsti dall’art. 67 c. 3 lett. d) L.F., che preveda l’attribuzione di flussi in favore dei creditori concordatari entro il 2022 per un importo almeno pari ad euro 420.000,00;

7.      Gli allegati all’offerta eventualmente redatti in lingua straniera, dovranno essere accompagnati in calce della relativa traduzione asseverata in lingua italiana.

8.     L’offerta sarà ritenuta invalida se presentata oltre il termine per il deposito sopra indicato, ovvero se priva dei contenuti di cui sopra. Le offerte ritenute invalide saranno escluse dalla procedura competitiva.

9.     Non sono ammesse offerte subordinate in tutto o in parte a condizioni di qualunque genere.

DETERMINA

le seguenti modalità di svolgimento dell’eventuale gara

10. Le buste saranno aperte davanti al Giudice Relatore presso il proprio ufficio, in data 20.09.2019 alle ore 10.15. Ciascun offerente sarà tenuto a comparire all'ora e nel luogo indicati; la mancata comparizione non escluderà la validità dell’offerta.

11.  Dopo l'apertura delle buste gli organi della procedura provvederanno a esaminare le offerte, a verificarne la validità e ad individuare la migliore offerta, che opererà come base della successiva gara. Le offerte considerate invalide saranno escluse dal prosieguo della procedura competitiva.

12. L’individuazione della migliore offerta avverrà prendendo in considerazione, ad insindacabile motivato giudizio degli organi della procedura, i seguenti parametri, con la precisazione che l’elencazione dei

parametri qui di seguito indicati non rappresenta ordine di priorità nella scelta dell’aggiudicatario:

a.      entità dei flussi offerti;

b.     fattibilità del Piano Industriale in continuità aziendale;

c.      entità e tipologia delle garanzie prestate;

d.     consistenza economico-patrimoniale dell'offerente.

13. La gara fra gli offerenti avverrà sulla base della migliore offerta individuata dagli organi della procedura e gli offerenti per partecipare alla gara dovranno adeguarsi a detta migliore offerta; la gara avrà luogo davanti al Giudice Delegato presso il suo ufficio, in data 04.10.2019 alle ore 12.45. Ogni offerente interessato alla gara è tenuto a presentarsi nel giorno e nell’ora indicati per partecipare all’eventuale gara. Ogni offerente è inoltre tenuto a munire i propri rappresentanti o procuratori dei poteri necessari per partecipare alla gara e rilanciare sul prezzo offerto, pena l’esclusione. In caso di assenza dell’offerente: se l’offerta è l’unica, la partecipazione potrà comunque essere aggiudicata all’offerente non presente; in caso di presenza di altre offerte si darà luogo ad una gara sulla base della migliore offerta, che potrà anche essere quella formulata dall’offerente non presente. In mancanza di presentazione di offerte valide entro i termini previsti, la procedura competitiva sarà dichiarata deserta.

14. Nel caso di unica offerta, o in mancanza di offerte in aumento, la partecipazione sarà aggiudicate all’unico o al maggior offerente anche se non comparso alla gara. In ipotesi di pluralità di offerte valide, il Giudice Relatore procederà ad indire una gara tra gli offerenti presenti, con rilancio minimo di euro 10.000,00. I rilanci dovranno intendersi quali apporti di nuova finanza in favore dei creditori concordatari. I beni verranno aggiudicati all’offerente che all’esito della gara avrà offerto l’importo più elevato. Verrà altresì predisposta, ad insindacabile motivato giudizio degli organi della procedura, una graduatoria delle offerte presentate dagli altri offerenti, alla quale si attingerà in ipotesi di decadenza dell’aggiudicatario.

15.  In caso di aggiudicazione a soggetto terzo diverso da L. Anlagebau S.r.l., verrà modificato l’organo Amministrativo della L. Impianti S.r.l. come da impegno già assunto dal Socio Unico E. Holding S.r.l. al fine di permettere l’ingresso nel Consiglio di Amministrazione di un membro di nomina da parte dell’aggiudicatario. Mediante apposita delibera assembleare, a seguito dell’aggiudicazione E. Holding S.r.l. nominerà quindi un nuovo consiglio di Amministrazione composto da n. 3 membri di cui uno sarà di nomina della E. Holding S.r.l., uno sarà di nomina dell’aggiudicatario e l’ultimo membro verrà nominato dagli organi della Procedura. Qualora anche uno solo dei Consiglieri decada o si dimetta dal proprio incarico per qualsiasi ragione, l'intero consiglio si intenderà cessato e l'assemblea per la nomina del nuovo organo amministrativo dovrà essere convocata d'urgenza dal/dagli amministratore/i rimasto/i in carica e, in caso di inerzia di questi dal/dagli amministratore/i decaduto. Ogni nomina o sostituzione di componenti del Consiglio di Amministrazione della Società dovrà essere effettuata nel rispetto delle designazioni effettuate originariamente. Il Consigliere nominato dalla Procedura assumerà la carica di Presidente del Consiglio di Amministrazione mentre il consigliere nominato da E. Holding S.r.l. verrà delegato per tutti gli atti di ordinaria amministrazione con un limite di Euro 50.000,00 per singola operazione o per più operazioni, tra loro collegate o correlate che, sebbene singolarmente considerate non eccedano il predetto limite, considerate complessivamente lo superino. Gli atti di ordinaria amministrazione eccedenti il limite di € 50.000,00 nonché tutti gli atti di straordinaria amministrazione saranno di competenza del Consiglio di Amministrazione. In caso di stallo e/o di parità di voti nel consiglio prevarrà in ogni caso il voto del Presidente del C.D.A. nominato dalla procedura (casting vote).

16. L’aggiudicazione determina l’obbligo dell’aggiudicatario di stipulare l’atto notarile di compravendita infra previsto nel termine e alle condizioni di seguito precisate.

17.  Il Tribunale potrà in qualsiasi momento sospendere, interrompere o modificare i termini e le modalità del presente procedimento competitivo, anche nell’ipotesi in cui a seguito dell’aggiudicazione sia presentata da terzi un’offerta migliorativa, e in ogni caso non autorizzare la stipula del contratto di cessione delle quote. L’instaurazione della procedura competitiva di cui al presente decreto, la presentazione di un’offerta irrevocabile d’acquisto delle quote e/o l’aggiudicazione, non comportano per E. Holding Srl e per gli Organi della Procedura, alcun obbligo di stipula dell’atto di cessione nei confronti degli offerenti né fa sorgere un diritto dell’aggiudicatario ad acquistare le quote, né il diritto di qualsivoglia offerente e/o interessato ad esigere prestazioni, di qualsiasi natura, restando altresì escluso ogni loro diritto a risarcimento del danno e/o a indennizzi, a qualsiasi titolo.

DETERMINA

le seguenti condizioni del trasferimento:

18. Il trasferimento delle quote verrà perfezionato mediante stipula notarile entro e non oltre 30 giorni dalla definitività del decreto di Omologa della Proposta e del Piano Concordatario CP 09/2018, previa autorizzazione del Giudice Delegato che sarà richiesta da L. Impianti Srl a norma di legge, a ministero del Notaio, avente sede nella provincia di Padova, scelto dalla L. Impianti Srl. Qualsiasi onere anche fiscale inerente o derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario.

19. La cessione delle quote viene fatta nello stato di fatto e di diritto in cui le stesse si trovano. Conseguentemente, l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità dell’attivo e del passivo societario, e di ogni sua componente, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti, inconoscibili e comunque non evidenziati nel presente decreto e/o nella documentazione messa a disposizione, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità e/o riduzione del prezzo.

20.                       L’impegno finanziario, come risultante dall’aggiudicazione, dovrà essere corrisposto secondo le modalità fissate dal presente decreto e in particolare:

·         quanto ad euro 1,00 a favore di E. Holding Srl, società cedente la quota;

·         l’apporto di “nuova finanza” risultante all’esito della gara, contestualmente al rogito notarile o anticipatamente ad esso, sul conto corrente della Procedura; in caso di pagamento dilazionato dovrà essere prodotto l’originale della fideiussione bancaria a prima richiesta, di Primario Istituto, con rinuncia ad ogni eccezione, prestata a favore del CP LUCATO IMPIANTI SRL n. 9/2018;

·         quanto ai flussi determinati nel Piano Industriale, con le scadenze in esso previste, a favore del CP LUCATO IMPIANTI SRL n. 9/2018;

·         quanto agli altri impegni assunti in conformità al punto 2) lett. e) del presente decreto, all’atto del trasferimento della quota per la parte relativa al rimborso ed entro 15 giorni dalla cessione per la sostituzione nelle garanzie prestate.

21. Nell’ipotesi di mancato rispetto dell’offerente anche di uno soltanto degli impegni e dei termini contenuti nell’offerta, ovvero anche di una soltanto delle previsioni del presente decreto, l’aggiudicazione si intenderà automaticamente revocata e le somme versate a titolo di cauzione saranno trattenute integralmente e definitivamente dalla Procedura, a titolo di penale per l’inadempimento, salvo il risarcimento dei maggiori danni. In caso di decadenza dell’aggiudicatario, la partecipazione verrà trasferita all’offerente immediatamente successivo in graduatoria.

***

Il Tribunale

DISPONE

che, a cura del Commissario Giudiziale:

·         una copia del presente decreto sia pubblicato sul portale dei Fallimenti di Padova (www.fallimentipadova.com), almeno 30 giorni prima dell’udienza fissata per l’apertura delle buste;

·         un avviso sintetico del presente decreto, contenente tutti i dati che possono interessare il pubblico, sia pubblicato sul portale del Ministero della Giustizia nell’area denominata “Portale delle Vendite Pubbliche” a norma dell’art. 161 quater disp. att. c.p.c. e sui siti internet generalmente utilizzati per la pubblicità dei bandi di vendita per le procedure esecutive, almeno 30 giorni prima dell’udienza fissata per l’apertura delle buste, nonché sul quotidiano “Il Sole 24 Ore” almeno 30 giorni prima dell’udienza fissata per l’apertura delle buste;

·         La L. Impianti Srl dovrà tempestivamente mettere a disposizione del Commissario Giudiziale ogni documento e informazione necessaria agli interessati al fine di formulare l’offerta.

·         Il Commissario Giudiziale fornirà agli interessati che ne faranno richiesta, valutata la congruità della medesima, le informazioni utili per la presentazione delle offerte. A tal fine, il Commissario Giudiziale provvederà, con l’ausilio della società L. Impianti Srl, ad istituire una data room virtuale con inserimento nella stessa della documentazione allo stato disponibile, nonché dell’ulteriore documentazione che verrà acquisita.

·         Il Commissario Giudiziale consentirà l’accesso alla data room da parte degli interessati mediante rilascio di user-id e password.

·         L’accesso alla data room e alle informazioni suindicate potrà avvenire esclusivamente previa trasmissione al Commissario Giudiziale di idoneo impegno di riservatezza, secondo il modello che lo stesso concorderà con la Società, e che verrà messo a disposizione degli interessati.

Gli interessati potranno rivolgersi al Commissario Giudiziale, Dott.ssa Monica Benetollo, via Annibale da Bassano n. 30 - 35135 Padova (tel. 049/619119-619515 - fax 049/8647960 - email concorsuali@bvstudio.it, pec cp9.2018padova@pecconcordati.it).

Padova,

Il Presidente