Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 17498 - pubb. 20/06/2017

Fideiussore dell'imprenditore fallito e impugnazioni allo stato passivo di cui all'art. 98 l.fall.

Cassazione civile, sez. VI, 07 Gennaio 2016, n. 119. Est. Genovese.


Fallimento - Formazione dello stato passivo - Impugnazione dei crediti ammessi - Fideiussore del fallito - Legittimazione all'impugnazione - Configurabilità - Esclusione - Fondamento



Il fideiussore dell'imprenditore fallito non è attivamente legittimato alle impugnazioni allo stato passivo di cui all'art. 98 l.fall., atteso che, da un lato, la sua posizione è accessoria a quella del debitore principale, a sua volta privo di interesse a veder ridotta la consistenza del proprio passivo, essendo stata la relativa legittimazione attribuita, in sua vece, al curatore fallimentare, e, dall'altro, è estraneo alle ragioni sottostanti all'ammissione dei crediti e, quindi, alla stessa formazione dello stato passivo. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale